Il progetto BIM dell’area Tour Eiffel

Il progetto BIM dell’area Tour Eiffel

L’impiego del Building Information Modeling nella riqualificazione dell’area su cui poggia il simbolo di Parigi

La metodologia BIM sta entrando sempre più prepotentemente nel mondo dell’edilizia. Le grandi città si stanno adoperando per godere appieno dei vantaggi offerti da questa nuovo metodo per l’ottimizzazione della pianificazione, realizzazione, realizzazione e gestione delle costruzioni.

Così come nel caso in esame, essa può essere utilizzata anche nell’ottica della riqualificazione urbana del territorio. Nell’ambito del concorso “Site Tour Eiffel: découvrir, approcher, visiter” (Area della Tour Eiffel: scopri, avvicinati, visita) indetto dalla municipalità parigina, è stato realizzato un modello tridimensionale dell’intero parco urbano adiacente al simbolo francese.

La superficie interessa è pari a circa 2,4 Km2 e renderà maggiormente fruibili gli accessi, in ottica dei Giochi Olimpici del 2024; il progetto offrirà a tutti la possibilità di “visitare” la Tour Eiffel anche in modalità virtuale 3D. Consentirà anche di seguire e monitorare il progetto dell’area.

A realizzare una fedele mappature dell’intera area è stato il team di Autodesk (incaricato dalla città francese), che ha utilizzato la tecnologia di scansione laser LiDaR (acronimo di “Light Detection and Ranging” o “Laser Imaging Detection and Ranging”), ottenendo dapprima una nuvola di punti e poi anche foto aeree con una precisione che va dai 2 ai 5 centimetri.

L’impiego del BIM permetterà ai tecnici incaricati della valutazione del progetto di formulare delle considerazioni di carattere globale tra l’esistente ed il nuovo con possibilità di intervento real-time.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *